Dove? (Luogo)
0000
Risultati
Wednesday, May 2nd, 2018

Sette punti chiave riguardanti Intervin in Alimentaria 2018

Il salone Intervin, integrato da rappresentanti delle distinte Denominazioni d’origine spagnole, torna ad essere presente alla fiera di riferimento nel settore dell’alimentazione

Alimentaria-2018

Il recinto di Fira Gran Vía di Barcellona ha accolto dal 16 al 19 aprile una nuova edizione di Alimentaria, la fiera che in Spagna fa riferimento al settore dell’alimentazione. Il salone Intervin, aggiunto ad Alimentaria, ha riunito di nuovo cantine e Consigli Normativi delle distinte denominazioni d’origine spagnole. Rimontgó era presente tramite la sua area RimontgóInvest, grazie alla quale si gestisce l’interesse di investitori nazionali e internazionali nel settore vinicolo spagnolo. Per continuare, offriamo alcuni punti chiave che ci permettono di capire lo sviluppo dell’ultimo salone Intervin.

  1. Da ormai varie edizioni, l’area dedicata al vino perde terreno nell’ambiente di Alimentaria il quale settore dominante è l’alimentazione. Questa tendenza sembra che vada avanti da alcuni anni.
  2. L’ampia presenza di Consigli Normativi di diverse denominazioni d’origine è un riflesso eccellente dei diversi vini prodotti in Spagna. Le denominazioni d’origine di dimensioni minori hanno trovato in questa fiera una buona vetrina per diffondere i suoi vini.
  3. Nell’edizione del 2018 si sono distinti gli stand della denominazione di origine di Cataluña, Galicia, Castilla y Leon, e Jumilla. La D.O. Galicia ha presentato un banco di degustazioni che ha riunito più di 20 tipi di vino bianco. Questo fatto dimostra la sintonia tra le distinte denominazioni d’origine della regione. È stata notevole anche la presenza catalana tramite i giganti della produzione di Cava(Freixenet) e vini (Torres). Si sono trovate anche cantine di piccole e medie dimensioni, appartenenti alle diverse denominazioni di origine del territorio. È giusto appuntare che gli stand di La Rioja e La Rioja Alavesa/Txakolí si sono divisi. Questa è una dimostrazione del conflitto interno che vive questa denominazione d’origine in seguito all’uscita di alcune cantine situate a La Rioja Alavesa.WineAction-en-Alimentaria-2018
  4. Castilla- La Mancha, una delle regioni spagnole con cantine che producono una grande quantità di vini, è principalmente rappresentata dai suoi Consigli Normativi.
  5. Presenza notevole di cantine di riferimento nella denominazione di origine della Ribera del Duero come nel caso di Pago de los Capellanes o Protos.
  6. Alcuni raggruppamenti di cantine (come nel caso di ARAEX) tornano a partecipare alla fiera. Si tratta di alleanze destinate a condividere espedienti in materia di marketing o distribuzione. Esse continuano a funzionare.
  7. Presenza sempre più evidente di vini prodotti in base a parametri ecologici e organici, un fatto che denota la forza di questo tipo di produzione in determinati mercati europei e statunitensi

Tutto ciò mette come menifesto l’interesse esistente che circonda il mondo del vino. Rimontgò attraverso la sua area di Invest sviluppa una forte scommessa sulla compravendita di cantine e vigneti, una delle azioni sul mercato spagnolo  più interessanti del momento.

Articoli inclusi in: